In evidenza

Informazione ai media della CSL: rapporto annuale 2019

Zurigo, 2 aprile 202- Informazione ai media

Reclami: il livello più alto dal 2013

Lo scorso anno le tre camere della CSL hanno valutato complessivamente 97 reclami, come emerge dal rapporto annuale 2019, di questi ne hanno accolti la metà, respinto il 36% e nel 14% dei casi non sono entrate nel merito.

Il numero di procedure di reclamo è salito nuovamente e ha sfiorato i 100 casi nel 2019. Si tratta del livello più alto dal 2013, da allora il numero è oscillato tra 63 e 95. Questa fluttuazione non ha un motivo specifico, anche se talvolta singoli temi sono «congiunturali» come il non rispetto dell'adesivo «Niente pubblicità», il marketing telefonico aggressivo o la pubblicità del tabacco, che è stata al centro dell'attenzione nell'ambito della prima deliberazione sulla legge federale sui prodotti del tabacco (LPTab).

Dei complessivi 97 reclami, 8 (8%) riguardavano reclami contro la concorrenza da parte di un'azienda nei confronti di un concorrente. Le tre camere hanno accolto circa il 50 per cento dei casi di reclamo, hanno respinto il 36 per cento e per il 14 per cento non sono entrate nel merito. Dei cinque ricorsi giudicati dall'Assemblea plenaria delle tre camere, la CSL ne ha accolto uno.

Basi giuridiche: quasi sempre la LCSI

Uno scarso 12 per cento di tutti i reclami riguardava leggi e direttive come la legge sulla protezione dei marchi o sulla protezione degli stemmi, l'ordinanza sull'indicazione dei prezzi (OIP) oppure il Codice della Camera di Commercio Internazionale (ICC) per la comunicazione di marketing. Tutte le altre decisioni della Commissione per la Lealtà erano fondate sulla legge federale contro la concorrenza sleale (LCSI). Ciò dimostra da un lato quanto è importante la LCSI per la correttezza nella pubblicità in generale e per i principi della CSL in particolare. D'altro canto conferma come le decisioni della Commissione per la Lealtà non sono prese in una situazione di vuoto legislativo, ma si basano principalmente sui suoi principi, che sono un'interpretazione settoriale delle disposizioni in materia di concorrenza sleale e in particolare della LCSI. Ciò significa che a prescindere da un reclamo presso la CSL, si possono sempre adire le vie legali contro una pubblicità sleale.

Fattispecie: discriminazione di genere e metodi pubblicitari e di vendita aggressivi

Per quanto concerne le fattispecie, la media a lungo termine evidenzia che solitamente ritornano con maggiore frequenza gli stessi due principi. Da un lato la «comunicazione commerciale sessista» (B.8), e dall'altro i «metodi pubblicitari e di vendita aggressivi a distanza» (C.4); ciò è stato confermato anche nel 2019 con il 22,5% e il 12,4% di tutti i reclami. Le oscillazioni all'interno delle fattispecie sono puramente casuali. Non casuali sono invece i reclami secondo il principio B.15, che con il 19,1% del totale dei casi ha raggiunto i due motivi più ricorrenti. Tale principio esige che la comunicazione commerciale «a prescindere dalla forma in cui è presentata o dal mezzo utilizzato» sia immediatamente riconoscibile come tale dal consumatore medio.

Canali media: naturalmente internet

Il motivo dell'aumento che ha interessato il principio B.15 sono i numerosi reclami della Fondazione per la protezione dei consumatori SKS nei confronti di noti influencer svizzeri. Nei loro post in Instagram non avrebbero indicato chiaramente o non avrebbero indicato del tutto che erano stati postati principalmente per motivi commerciali. Il ragguardevole numero di simili reclami ha contribuito al fatto che internet è nettamente al primo posto tra tutti i canali media interessati, con il 37,3% dei casi totali. Questo riflette più o meno lo sviluppo nel mercato pubblicitario complessivo. Dopo internet, il marketing diretto e la pubblicità esterna attirano il maggior numero di reclami, mentre il numero di reclami contro le campagne stampa è nettamente diminuito negli ultimi tre anni dal 17 al 7 per cento.

Il rapporto annuale può essere scaricato gratuitamente dal sito della CSL – faire-werbung.ch – o richiesto in formato cartaceo alla segreteria della CSL: +41 44 211 79 22, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Contatto:
Thomas Meier
Responsabile della comunicazione
T +41 44 201 20 02
M +41 79 674 30 74
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
faire-werbung.ch

Ogni persona è autorizzata e legittimata a inoltrare alla Commissione Svizzera per la Lealtà un reclamo in merito a una comunicazione commerciale che reputa sleale. Dal 1966 la CSL è l’organo di autocontrollo del settore pubblicitario in cui, oltre alle associazioni di settore, sono rappresentati l’Ufficio federale della sanità pubblica, la Segreteria di Stato dell'economia SECO, il Servizio per l’uguaglianza della Città di Zurigo, la Commissione intercantonale delle lotterie e scommesse Comlot, l’Istituto federale della Proprietà Intellettuale e le organizzazioni dei consumatori.

Articoli correlati (da tag)

© Copyright: KS/CS Kommunikation Schweiz | Design & Technics by idfx.

Proseguendo nell'utilizzo del nostro sito Web acconsenti all'utilizzo dei cookie da parte di KS/CS allo scopo di ottimizzare la vostra esperienza utente